I protagonisti di giovedì 23 giugno
Corrado_Augias_1

Corrado Augias

Corrado Augias (Roma, 26 gennaio 1935) è un giornalista, scrittore, conduttore televisivo e politico italiano. Giovane funzionario Rai, s’iscrisse all’Ordine dei giornalisti il 1º aprile 1969. Per anni ha curato le corrispondenze da Parigi e da New York per la Repubblica, nonché per i settimanali l’Espresso e Panorama. Collabora tuttora con il quotidiano la Repubblica, occupandosi della sezione delle lettere inviate dai lettori. Scrittore giallista, autore teatrale appartenente all’avanguardia romana del Teatro del 101, è anche autore di saggi nei quali affronta temi culturali ed artistici approfondendo particolari poco noti relativi alla storia, al costume, ed al fascino di alcune fra le principali metropoli. È, inoltre, stato ideatore e conduttore di programmi di grande successo e rilievo culturale, tra i quali Telefono giallo, divenuto un vero e proprio cult della televisione italiana. Alle elezioni europee del 1994 viene eletto deputato come indipendente nelle liste del Partito Democratico della Sinistra dell’Italia meridionale con 168.735 preferenze.

Orario: 18:00 – 19:00
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Corrado Augias, Le ultime diciotto ore di Gesù (Einaudi)
Lectio Magistralis e conferimento del Premio Andrea Barbato per il giornalismo. Consegna il premio Nicola Barbato.
(Palco centrale)

sergio rizzo

Sergio Rizzo

Sergio Rizzo (Ivrea, 7 settembre 1956) è un giornalista e scrittore italiano di origini lucane. Si è iscritto all’Ordine dei giornalisti il 2 dicembre 1980, dopo aver conseguito una laurea in Architettura presso l’Università la Sapienza di Roma nel 1981. È responsabile della redazione economica romana del Corriere della Sera, in passato ha lavorato per Milano Finanza, Il Mondo e Il Giornale. È coautore con Gian Antonio Stella del libro-inchiesta sul mondo politico italiano La casta, che con oltre 1.200.000 copie e ben 22 edizioni è stato uno dei volumi di maggior successo del 2007 e ha aperto un vasto dibattito sulla qualità della classe dirigente nazionale e sul suo rapporto con i cittadini-elettori.

Orario: 19:00 – 20:00
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Sergio Rizzo, Il facilitatore (Feltrinelli)
Conversa con Milena Gabanelli (Giornalista, Rai 3 Report)
(Palco centrale)

gabanelli-milena-ipp-672

Milena Gabanelli

Milena Jole Gabanelli (Nibbiano, 9 giugno 1954) è una giornalista e conduttrice televisiva italiana. Opera come freelance collaborando con la Rai a programmi televisivi di inchiesta. Vissuta fino a 19 anni a Desio, in Brianza, si è poi trasferita a Bologna, dove si è laureata al DAMS con una tesi in storia del cinema. Collabora con la Rai dal 1982, iniziando con la realizzazione di programmi di attualità per la terza rete regionale. Nei primi anni novanta partecipa all’introduzione in Italia dei nuovi canoni del videogiornalismo, lavorando da sola con una videocamera portatile, che crea uno stile più diretto nelle interviste e in generale nel modo di fare programmi televisivi. Nel 1989 e 1994 lavora con Giovanni Minoli in Speciale Mixer e Professione Reporter. È stata inviata di guerra nell’ex Jugoslavia, in Cambogia, Vietnam, Birmania, Sudafrica, Nagorno Karabakh, Mozambico, Somalia, Cecenia. È l’unica giornalista italiana ad aver messo piede, nel 1990, a Pitcairn, l’isola dove ancora vivono i discendenti degli ammutinati del Bounty nel 1790. Sua è la biografia del generale Võ Nguyên Giáp, raccontata da lui medesimo nel 1998. Nel 1997 nasce Report, il programma d’inchieste giornalistiche di cui è autrice e conduttrice che l’ha resa una delle professioniste più note al grande pubblico. Numerosi i riconoscimenti che ha ricevuto nel corso della sua lunga carriera.

Orario: 19:00 – 20:00
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Sergio Rizzo, Il facilitatore (Feltrinelli). Milena Gabanelli conversa con l’autore. 
(Palco centrale)

Luigi-Caricato-foto-Lettieri-3

Luigi Caricato

Luigi Caricato, scrittore e giornalista, ha pubblicato diversi volumi sull’olio di oliva, oltre a un romanzo, L’olio della conversione (Besa, 2005 e 2006). Ha coniato l’accezione di “oleologo” per definire la propria professione, termine che è stato poi riportato sia nella banca linguistica della Treccani, sia in quella dell’Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo. Ha ricevuto, a soli quarant’anni, un premio alla carriera, il “Sirena d’oro” di Sorrento. Nel maggio del 2007 è stato nominato membro della prestigiosa Accademia dell’olivo e dell’olio di Spoleto, con la qualifica di “accademico corrispondente”, e, dal 30 aprile 2010, con la qualifica di “accademico ordinario”. Ha prestato e presta consulenze per diverse società ed enti. Ha svolto docenze per il Master in olivicoltura ed elaiotecnica presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Pisa sui temi della comunicazione. EÈ conferenziere e relatore per importanti convegni e congressi, e ha organizzato a sua volta diversi eventi culturali, tra cui il salone degli extra vergini tipici e di qualità “Olio Capitale”, a Trieste, giunto nel 2013 alla settima edizione. Con il progetto “Olio Officina“, di cui è ideatore, si propone di sviluppare un laboratorio di idee incentrato sul rapporto tra i condimenti e le altre materie prime alimentari.

Orario 20:00 – 21:15
Luogo Piazza XX Settembre
Evento La felicità dell’Olio: Luigi Caricato, Atlante degli oli italiani (Mondadori Electa)
Conversa con Alfredo Antonaros (Giornalista e Scrittore)
(Caffè Aurora)

Alfredo Antonaros

Alfredo Antonaros (Áddi Caièh, 30 aprile 1950) è uno scrittore e giornalista italiano. Nato in Eritrea da una madre greco-eritrea e da padre italiano, si è trasferito in Italia all’età di sei anni, ad Imola, città in cui, per molti anni, è stato direttore del Teatro Comunale di Imola ed anche il più giovane direttore di teatro in Italia. Ha curato, accanto a Maurizio Scaparro, le prime tre edizioni del Carnevale di Venezia. Ha diretto, accanto a Giorgio Gaslini, tutte le edizioni di Europa Jazz Festival. Ha collaborato per molti anni ai progetti di Roberto Roversi. Dal 2000 si è occupato di comunicazione televisiva. Ha collaborato sin dall’apertura al canale televisivo Raisat Gambero Rosso Channel. È stato, nel 1984, il primo narratore italiano a porre nei suoi romanzi, editi da Feltrinelli, il tema delle radici, dell’esilio, e di una lingua da ricostruire per descrivere lo sradicamento culturale e per descrivere l’esperienza dell’emigrazione. Come saggista si è occupato per lungo tempo dell’evoluzione storica e del ruolo sociale e culturale del cibo, della cucina e della alimentazione. È anche autore di romanzi e di alcune drammaturgie, tra cui la riduzione di Brancaleone, prodotto nel 1998 dal Teatro Stabile delle Marche e di Balkanica, testo dello spettacolo vincitore del Festival Internazionale Correnti del Mediterraneo di Lugano nell’ottobre 1994. È autore di alcune sceneggiature cinematografiche tra cui Il concerto, regia di Raffaele Rago, realizzato con la partecipazione del regista Emir Kusturica, prodotto nel 2000. Sino al 2009 è stato autore e conduttore di Raisat Gambero Rosso Channel. Dal 2009 ha collaborato a programmi televisivi e radiofonici della Rai.

Orario: 20:00 – 21:15
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: La felicità dell’Olio: Luigi Caricato, Atlante degli oli italiani (Mondadori Electa). Antonaros conversa con l’autore. 

Karim Franceschi

Karim Franceschi

Karim Franceschi è nato nel 1989 a Casablanca da padre italiano ex partigiano e madre marocchina ed è cresciuto a Senigallia. Partito nel 2014 per Kobane con un progetto umanitario, ha poi deciso di tornare, nel gennaio 2015, in Siria e unirsi alla lotta armata al fianco della resistenza curda, contribuendo alla prima grande sconfitta militare del Califfato. È co-autore, insieme a Fabio Tonacci, del libro Il combattente, edito da Rizzoli e uscito in Italia lo scorso gennaio, un testo che, per il suo valore testimoniale e la qualità della scrittura, ha ricevuto l’apprezzamento di un lettore d’eccezione come Roberto Saviano.

Orario: 21:15 – 22:15
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Karim Franceschi, Il Combattente (Rizzoli)
Conversa con Lucia Goracci (Inviata in Medio Oriente, Rainews24)
(Palco centrale)

lucia

Lucia Goracci

Lucia Goracci (Orbetello, 16 marzo 1969) è una giornalista italiana iscritta all’albo dei giornalisti professionisti dalla fine degli anni novanta, ha iniziato la sua attività in RAI nella redazione della TGR Sicilia di cui è stata anche conduttrice delle edizioni pomeridiana e serale; successivamente, è stata giornalista inviata in Medio Oriente per Tg2 fino all’assunzione al Tg3 per il quale è stata una delle conduttrici del Tg3 mezzasera, del Tg3 notte, nonché una delle giornaliste spesso presenti in studio del Tg3 Linea Notte. Alternava alla presenza in studio il lavoro da inviata all’estero, in particolare in Medio Oriente o in America Latina: ha documentato infatti, tra gli altri, il Terremoto di Haiti del 2010, l’incidente nella miniera di San José in Cile, la Guerra civile libica. Dal 2013 lavora a RaiNews24, il canale all news della Rai, con il quale aveva già collaborato in passato. Continua ad occuparsi di temi internazionali come inviata (ha seguito le elezioni presidenziali in Iran, la visita del Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama a Berlino, le proteste in Brasile durante la FIFA Confederations Cup 2013, in Egitto contro il presidente Mohamed Morsi) e a Gaza (agosto 2014). Nel 2015 svolge l’attività di reporter su territorio siriano e iracheno, seguendo il confine con lo Stato Islamico, sulla linea del fronte.

Orario: 21:15 – 22:15
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Karim Franceschi, Il Combattente (Rizzoli)
Lucia Goracci conversa con l’autore. 

battista

Pierluigi Battista

Pierluigi Battista (Roma, 3 luglio 1955) è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano. Figlio di Vittorio, che fu volontario nella Repubblica Sociale Italiana e poi dirigente del Movimento Sociale Italiano: al rapporto tormentato con il padre è dedicato il suo ultimo libro, Mio padre era fascista. Laureato in lettere moderne nel 1978 all’Università La Sapienza di Roma, inizia la sua attività giornalistica nei mensili «MondOperaio» e «Pagina». Poi collabora a L’Espresso. Nel 1985 viene assunto come redattore, nella sede romana della Laterza, dal direttore editoriale Enrico Mistretta con cui instaura una collaborazione estremamente proficua. Nel 1988 inizia a lavorare per il settimanale Epoca e per il mensile Storia Illustrata entrambi diretti da Alberto Statera. Due anni più tardi si trasferisce al quotidiano La Stampa come responsabile della redazione romana ed editorialista. Nel 1996 accetta la proposta di Giuliano Ferrara ed è suo vice a Panorama. L’anno seguente Ferrara lascia la direzione del settimanale e Battista rientra alla Stampa come editorialista. Dal 2005 al marzo 2009 è vicedirettore del Corriere della Sera, con delega per le pagine culturali. Nell’aprile 2009 è tornato a Roma come inviato editorialista del quotidiano di via Solferino. Dall’inizio del 2009 tiene regolarmente una rubrica (“Finale di partita”) di attualità e costume sul “Magazine”, settimanale del Corriere della Sera. Ha condotto tre edizioni della trasmissione televisiva di LA7 Altra Storia.

Orario: 22:15 – 23:15
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Pierluigi Battista, Mio padre era fascista (Mondadori)
Conversa con Giampiero Mughini (Scrittore e Opinionista tv) e Alessandra Longo (La Repubblica)
(Palco centrale)

mugh

Giampiero Mughini

Giampiero Mughini (Catania, 16 aprile 1941) è uno scrittore, opinionista e giornalista italiano. Nato a Catania da madre siciliana e padre toscano (di Marradi, come il poeta Dino Campana), Mughini si forma nel capoluogo etneo dove fonda e dirige, a partire dal dicembre del 1963, la rivista Giovane Critica che, insieme ai Quaderni Piacentini, accompagnerà il sorgere del Sessantotto. Nel frattempo si laurea in lettere e lingue moderne, con specializzazione in letteratura francese presso l’Università degli Studi di Catania. Nel gennaio del 1970 si trasferisce a Roma, quindi segue la carriera di giornalista iniziando a muovere i primi passi nel quotidiano Paese Sera. È tra i fondatori del periodico Il manifesto (1969), ma l’abbandona dopo soli tre mesi per incompatibilità con i colleghi. È stato direttore responsabile del giornale del movimento politico Lotta Continua, che lascia nel 1971. Farà parte in seguito della redazione del quotidiano Reporter. Negli anni ottanta matura la decisione di separarsi dagli ambienti di quella sinistra che ha segnato quasi vent’anni della sua militanza politica. Esprimerà posizioni critiche sugli ex di Lotta continua come Adriano Sofri. Sugli anni di piombo ha scritto anche Gli anni della peggio gio­ventù. L’omicidio Calabresi e la tragedia di una generazione. Collabora per alcuni anni a L’Europeo e dal 1987 a Panorama. Scrive numerosi libri e collabora con il quotidiano Il Foglio di Giuliano Ferrara, sul quale cura per un certo periodo di tempo la rubrica quotidiana chiamata “Uffa!”. Dal 1998 la sua popolarità cresce per la presenza fissa al programma televisivo Controcampo. Nel 2006 vince il Premio Cimitile, nella sezione di saggistica, con l’opera E la donna creò l’uomo, edito dalla Arnoldo Mondadori Editore. 

Orario: 22:15 – 23:15
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Pierluigi Battista, Mio padre era fascista (Mondadori)
Mughini conversa con l’autore e Alessandra Longo (La Repubblica)
(Palco centrale)

Alessandra Longo, giornalista di Repubblica e membro del comitato scientifico di Passaggi

Alessandra Longo

Alessandra Longo nasce a Trieste. Inizia a fare la giornalista giovanissima in trasmissioni radio per adolescenti. Si laurea in Lettere e va a Londra dove collabora con la BBC. Nel 1988 inizia la sua avventura a Repubblica. Da inviata, segue le tormentate vicende della destra italiana. Cura da sette anni Belpaese, rubrica di costume politico. È membro del comitato scientifico di Passaggi, all’interno del quale si occupa soprattutto dell’attualità politica.

Orario: 22:15 – 23:15
Luogo: Piazza XX Settembre
Evento: Pierluigi Battista, Mio padre era fascista (Mondadori)
Alessandra Longo conversa con l’autore e con Giampiero Mughini (Scrittore e Opinionista tv)
(Palco centrale)

CONDIVIDI!