Siediti e Sogna

Esposizione e uso

Esposizione e uso di sedute da esterno dove ascoltare i testi Ad Alta Voce di Rai Radio 3. A cura di Andrea Esposto (Casarredo– Fano)

Ingresso libero, aperta da giovedì 22 a domenica 25 giugno

Corte Malatestiana, Piazza XX Settembre (ingresso Carifano) Fano

La buona terra

Mostra fotografica

L’esposizione itinerante, realizzata da ANCC-Coop, associazione nazionale Cooperative di Consumatori, che dalla Camera dei Deputati arriva direttamente a Fano come seconda tappa nazionale.

Si tratta del reportage fotografico ‘La buona terra’, venti foto per raccontare le storie delle donne e degli uomini che già lavorano – in alcuni casi da anni – nei campi agricoli in condizioni di libertà e di rispetto delle regole.

Sono italiani, polacchi, indiani, maliani: non contano i colori o le lingue, gli abiti diversi. Ad avvicinare ognuno di questi lavoratori è un desiderio che accomuna tutti gli esseri umani: dignità, rispetto, libertà di scelta.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 a domenica 25 giugno

Chiesa Sant’Arcangelo, Via Michelangelo Lanci (incrocio con Corso Giacomo Matteotti), Fano

L'amore al tempo dell'odio: collettiva di pittura

Mostra di pittura

 

Mostra collettiva di pittura di otto artisti:

Walter Angelici, Albano Aniballi, Rodrigo Blanco, Francesco Diotallevi, Giovanni Mazzanti, Mauro Mazziero, David Parenti, Luca Zampetti.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 giugno a domenica 16 luglio

Chiesa di San Pietro in Valle, Via Nolfi (s.n., all’altezza di Via San Francesco), Fano

L'amore al tempo dell'odio: personale di Elisabetta Duchi

Mostra personale pittorica di Elisabetta Duchi con la partecipazione del videomaker Gianluca Vincenzetti

Elisabetta Duchi vive e lavora a Fano, diplomata nel 1986 in Tecniche Incisorie e in seguito in Grafica Pubblicitaria alla Scuola d’Arte di Urbino, nel 1997 si diploma all’ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Urbino.

Dopo alcuni anni come Interior Designer in uno studio di Architettura, inizia l’esperienza di grafico presso vari studi e contemporaneamente insegna per un breve periodo Progettazione Grafica alla Comics di Jesi.

Dal 2001 è Art Director e cootitolare dell’agenzia Omnia Comunicazione di Fano.
Nei vari anni ha portato avanti la passione per le tecniche decorative e pittoriche realizzando lavori di vario genere dal linguaggio astratto-figurativo, nella ricerca d’immagini archetipiche e dal sapore arcaico.

La pittura:
Il mondo descritto da Elisabetta Duchi è quello visionario fantastico, ossia quello che si trova al di sopra della realtà, dove vengono rappresentati i sogni, ciò che è surreale e, soprattutto, ciò che non si vede con gli occhi, ma con l’inconscio.

Ispirata dal libro “Che tu sia per me il coltello” di David Grossman, la Duchi ha realizzato opere dal profondo significato sociale, politico, culturale.

Temi contemporanei come l’immigrazione, il femminicidio, la violazione della libertà vengono rappresentati dall’artista attraverso immagini archetipiche dalla forma essenziale e simbolica e da l’uso di pochi colori: bianco, nero e rosso che ne accentuano la drammaticità, la forza e l’espressività.

I lavori pittorici dell’artista verranno arricchiti da immagini video proiettate sia a parete che a pavimento, realizzate dal videomaker Gianluca Vincenzetti.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 giugno a domenica 16 luglio

Saletta Nolfi, (ex oratorio della chiesa di San Pietro in Valle), Via Nolfi (s.n., all’altezza di Via San Francesco), Fano

L'amore al tempo dell'odio: personale di Maurizio Scalera

Mostra personale dell’illustratore Maurizio Scalera

Maurizio Scalera, nato a Fano nel 1973, ma perugino d’adozione, è un “extra artista” che ha come attività principale quella di architetto in Italia e all’estero, a cui unisce la continua ricerca artistica sulla definizione spaziale e la sua interpretazione. Le sue illustrazioni sono una risultante che oscilla tra: architettura costruita, installazioni temporanee, immagini virtuali, fotografie e disegni. Obiettivo principale anche del suo Studio di architettura ScAle architects, co-fondato nel 2002 con Benedetta Alessi, e filo conduttore delle sue creazioni, già ospitate in esposizioni collettive italiane e straniere.
Primo classificato, con La Venere di Tokyo (2010), del “Premio d’arte internazionale Aperitivo Illustrato”, approda a Pesaro con la sua prima mostra personale: Le Grand Tour, nel “Centro Arti Visive Pescheria” nel 2011.

L’illustrazione:
Artista poliedrico ed intuitivo, Scalera ha la straordinaria capacità di assemblare vari elementi, diversi e discordanti fra di loro, ricavando opere suggestive ed armoniose. Le sue illustrazioni sono tutte realizzate con la tecnica del fotomontaggio digitale.
Usa una creatività libera ed incondizionata, assembla città e luoghi dal mondo con immagini architettoniche storiche, citazioni di quadri noti, personaggi e prodotti di design famosi così come figure e oggetti del quotidiano.
Unisce passato e presente, ottenendo immagini oniriche proiettate nella nostra contemporaneità ma, crea, anche immagini di città e luoghi del prossimo futuro.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 giugno a domenica 16 luglio

Mediateca Montanari Memo (piano terra), Fano

Lo scatto del tempo: personale di Mario Signorini

Mostra personale di fotografia di Mario Signorini

Mario Signorini nasce a Milano nel 1958, il suo approccio alla fotografia è da puro autodidatta. Non gli ha mai interessato apparire, perché in lui vi è il concetto autentico di libertà artistica, senza doversi legare a un evento, una galleria o un tipo di mercato. Espone quindi per la prima volta, in via del tutto eccezionale, per il Festival Passaggi.
Vive e lavora a Fano (PU).

La fotografia: il mondo fotografico di Mario Signorini è immenso e vario. Fotografa tutto, non ha una predilezione per un soggetto, vive la passione per la fotografia così come vive la sua vita, circondato da un mondo universale visibile ed invisibile. In tutta la sua arte c’è lo sguardo curioso di voler andare oltre le cose, oltre il limite del reale, in uno spazio silenzioso e immanente. Le opere rappresentate, nello specifico, vogliono tradurre la vacuità dell’esistenza umana attraverso lo scatto del Tempo.
Le fotografie sono una astrazione concettuale, surreale della realtà, vogliono allontanare il più possibile l’osservatore dal soggetto ritratto e condurlo in un mondo immateriale, ossia un mondo concreto, ma visto con uno sguardo atemporale.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 giugno a domenica 16 luglio

Caffè Centrale, Corso Giacomo Matteotti, 104 – Fano

La morte e l'amore

Mostra collettiva di fotografia dell’associazione Centrale Fotografia

Alcuni fotografi dell’Associazione Centrale Fotografia, realizzeranno immagini ispirate al romanzo “La morte e l’amore” dello scrittore fanese, Fabio Tombari.
Ciascun fotografo partecipante, dunque, si farà sedurre dalle parole dell’autore, fermerà una visione, una frase e proverà a dare una propria interpretazione, al fine di creare un insieme di suggestioni: poetiche, amorose, drammatiche, paesaggistiche. La mostra fotografica verte in una narrazione lirica pensata per restituire al visitatore ritratti, oggetti e paesaggi universali, che possono costituire oggetto d’interesse verso un grande e indimenticabile scrittore marchigiano.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 a domenica 25 giugno

Spazio Arco Borgia-Cybo, Piazza XX Settembre (Ingressi Carifano e Musei civici) – Fano

Contest fotografico

Esposizione delle immagini vincitrici del contest fotografico L’amore al tempo dell’odio

Le sei immagini vincitrici della terza edizione del contest fotografico, promosso da Passaggi Cultura con la consulenza e la collaborazione tecnica di Centrale Fotografia.

Le immagini pubblicate su Instagram con l’hashtag #amorealtempodellodio sono state selezionate da una giuria tecnica e premiate anche con l’esposizione in uno dei caffè storici della piazza fanese.

Ingresso libero, aperta da mercoledì 21 giugno a domenica 16 luglio

Caffè Aurora, Piazza XX Settembre, 31/32 – Fano

CONDIVIDI!